Le proposte delle aziende della filiera della carta e della grafica per Un’Italia più semplice e più circolare. La Federazione Carta e Grafica sintetizza con un documento in cinque punti la sua proposta in materia di Economia circolare, alla vigilia del rilascio dei pareri parlamentari sul recepimento delle direttive comunitarie.

Assimilazione dei rifiuti, pianificazione degli scarti del riciclo, conferimento degli imballaggi biodegradabili, sistemi collettivi di recupero e riciclo e procedure EoW (End of Waste, il processo attraverso il quale un rifiuto torna a svolgere un ruolo utile come prodotto) sono i temi che la Federazione pone all’attenzione del Parlamento con l’obiettivo di semplificare le procedure e migliorare l’approccio all’economia circolare.

Questi punti, esplicitati in una nota stampa emessa dalla Federazione Carta e Grafica, sintetizzano il confronto che si era svolto presso la VII Commissione permanente della Camera dei Deputati, per l’esame congiunto degli schemi di decreto legislativo di attuazione delle direttive che compongono il Pacchetto Economia Circolare dell’Unione Europea.

La Federazione è un soggetto centrale per lo sviluppo dell’economia circolare in quanto tratta la carta, che già di per sé è il biomateriale per eccellenza, e unisce le voci di tutta la filiera che nelle varie fasi raccoglie, ricicla, produce e trasforma la carta in prodotti presenti in ogni ambito della vita quotidiana. L’industria della carta, in particolare, riciclando negli stabilimenti italiani ogni anno più di 5 milioni di tonnellate di carta, pari a circa 10 tonnellate al minuto e con una percentuale di riciclo degli imballaggi in carta ormai stabilmente superiore all’80%, riveste un ruolo strategico nell’economia circolare del Paese.

Share This