Industry 4.0 ed economia circolare sono i temi che caratterizzeranno la partecipazione della Federazione Carta e Grafica a Connext 2020, l’incontro nazionale di networking b2b, organizzato da Confindustria al MiCo – Milano, il 27 e 28 febbraio prossimi.

La Federazione sarà presente infatti, insieme con le componenti associative Acimga, Assocarta, Assografici e Comieco, in uno spazio dedicato, nell’ambito dei driver tematici Fabbrica 4.0 ed Economia ad alto tasso di circolarità.

Connext è l’evento confindustriale nato lo scorso anno (clicca per presentazione video) per rafforzare l’ecosistema del business attraverso l’integrazione sia orizzontale sia verticale, la contaminazione con il mondo delle startup, e la crescita delle filiere produttive. L’edizione 2020 è rafforzata dal Marketplace digitale, piattaforma che consente di programmare online gli incontri B2B: una vetrina importante per guardare oltre i confini del proprio business, conoscere nuovi partner, clienti e fornitori, consultare i profili aziendali dei partecipanti, pianificare l’agenda dei contatti.

La spinta verso l’innovazione tecnologica, in particolare attraverso lo sviluppo di Industry 4.0, e l’economia circolare sono, insieme con la formazione e l’internazionalizzazione, i temi portanti dell’azione della Federazione Carta Grafica la cui presidenza, da luglio scorso, è affidata a Girolamo Marchi.

La Federazione rappresenta una componente di rilievo della manifattura italiana con 24,9 miliardi di fatturato, pari all’I,4% del PIL, oltre 18.000 aziende e quasi 172.000 addetti, e una bilancia commerciale in attivo per 3,6 miliardi di euro. Il saldo positivo con l’estero, in particolare, è cresciuto del 2,4% nell’ultimo anno, pur se con dinamiche articolate e differenti nei singoli comparti.

 Sul tema Industry 4.0 la Federazione Carta e Grafica vanta il primato di aver avviato in ambito confindustriale già da quasi quattro anni (vedi l’articolo con gli aggiornamenti dell’attività), in parallelo con la sua costituzione formale, l’implementazione delle innovazioni all’interno di una filiera completa attraverso un’iniziativa dedicata. Il progetto Industry 4.0, sviluppato in partnership con SDA Bocconi, è oggi alla terza fase, con il trasferimento di know how e tecnologie all’interno delle singole aziende, favorito dalla proroga delle incentivazioni di Stato, riformulate per il 2020 come credito d’imposta nell’ultima stesura degli emendamenti alla legge di Bilancio.

Le imprese che costituiscono la Federazione, oltre che all’avanguardia sul fronte 4.0, esercitano un pratico esempio di bioeconomia circolare immettendo nel ciclo produttivo la carta da riciclare raccolta sul territorio, e riducendo così i rifiuti grazie agli impianti cartari. L’industria cartaria nazionale è il terzo riciclatore, a livello europeo, con più di 5 milioni tonnellate di riciclo (10 tonnellate al minuto), mentre la raccolta differenziata industriale e urbana della carta è di circa 6,5 milioni di tonnellate.
Oggi il 56,6% (tasso di circolarità) delle carte e cartoni prodotti in Italia è realizzato a partire da carta riciclata e per alcune produzioni (carte e cartoni per cartone ondulato) la carta da riciclare è l’unica materia prima, con tassi di riciclo che nel comparto  dell’imballaggio sono già all’80%, in linea con gli obiettivi previsti dalle nuove direttive comunitarie in materia.

Share This