Il Progetto Industry 4.0 della Federazione Carta e Grafica per le imprese associate giunge alla terza fase, quella dell’implementazione in azienda, proprio nei giorni in cui sono alle battute finali le scelte del Governo per la proroga degli incentivi 4.0 che saranno previsti dalla stesura definitiva della legge di Bilancio.

Il nuovo step del Progetto, successivo alla formazione in aula, tenuta a fine settembre, consiste nella consulenza presso i singoli Associati sullo stato dell’arte dei processi aziendali e le azioni necessarie per l’evoluzione 4.0. Anche questo è realizzato in partnership con SDA Bocconi School of Management, con il supporto metodologico del team di professionisti coordinati dal prof. Enzo Baglieri, membro del Comitato Scientifico Industria 4.0 della Federazione.

Consiste in un auditing di due giornate, in cui sarà analizzato lo stato dell’arte Industry 4.0 dell’azienda osservata e la coerenza della situazione attuale in termini di disponibilità di dati, processi, macro-competenze e tecnologie rispetto all’obiettivo strategico di implementazione di un piano 4.0. Il team della SDA Bocconi – di recente collocata sul podio fra le business school d’Europa, classificata terza nel ranking 2019 del Financial Times dopo Londra e Parigi -, procederà quindi all’indicazione delle linee guida per lo sviluppo della combinazione di dati-processi-competenze-tecnologie necessari per il raggiungimento dell’obiettivo strategico.

Il passo ulteriore d’implementazione delle tecnologie 4.0 per l’interconnessione dei processi industriali sarà favorito dalla proroga delle incentivazioni di Stato, riformulate per il 2020 come credito d’imposta nell’ultima stesura degli emendamenti alla legge di Bilancio.

Principali novità, oltre alla diversa forma di erogazione dell’incentivo (precedentemente somministrato come super e iper ammortamento), sono l’introduzione del limite di 10 milioni all’investimento e, a fronte di una limatura nell’ordine dei decimali del vantaggio fiscale effettivo, la possibilità di usufruirne in un periodo più breve, 5 anni in luogo dei precedenti 6-8. Questo articolo del Sole24Ore riporta le novità e anticipa la nuova formulazione che, va precisato, deve ancora superare l’esame parlamentare finale (che avverrà entro il limite del 31 dicembre).

Share This