Un’azione urgente del governo con interventi a sostegno dell’industria grafica ed editoriale a tutela della formazione delle nuove generazioni: obiettivo, una riforma delle politiche che tenga conto di tutti i soggetti interessati, dall’editore fino al lettore. E’ la richiesta avanzata da Maurizio D’Adda, a nome della Federazione Carta e Grafica, agli Stati generali dell’editoria, l’iniziativa governativa promossa dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Vito Crimi, che ha la delega all’informazione e all’editoria.

Nella giornata dedicata alla categoria “editori”, il direttore di Assografici a nome dell’intera Federazione Carta e Grafica (costituita da Assocarta, Acimga e Assografici, oltre che da Comieco e Unione Grafici Cartotecnici di Milano come soci aggregati) ha elencato le istanze del settore editoriale: «La promozione della lettura dovrebbe essere una delle grandi urgenze del Paese. Lettura vuol dire informazione, vuol dire cultura. Eppure solo il 40% degli italiani con più di 6 anni ha letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi, riporta l’Istat, mentre per quotidiani e periodici restiamo negli ultimi posti in Europa. Il futuro del paese e delle nuove generazioni dovrebbe essere sostenuto con  con azioni mirate – ha spiegato D’Adda, che ha elencato le proposte della Federazione -: estendere all’acquisto di giornali il bonus cultura per i diciottenni, consentire la detraibilità delle spese per l’acquisto di libri e giornali dalla dichiarazione dei redditi, rifinanziare il bonus pubblicità». Accanto a queste incentivazioni, D’Adda ha evidenziato l’urgenza dell’informatizzazione della catena distributiva, per ridurre i costi delle rese e rendere la scelta produttiva meno onerosa per gli editori. «Il settore specifico della stampa editoriale e commerciale è in pesante e strutturale difficoltà. Si devono sviluppare incentivi per favorire dismissioni di rotative o investimenti in loro riconversione, crediti d’imposta per sostenere investimenti formativi per la riqualificazione del personale, ridurre il costo delle materie prime per favorire l’export – sono le altre indicazioni fornite dal direttore di Assografici -.  Di immediato grande supporto sarebbe rivedere i parametri della legge per l’editoria, la 416/81, riportando a 32 anni il requisito per accesso al prepensionamento».

La Federazione rappresenta un settore con oltre 18mila imprese e quasi 25 miliardi di euro di fatturato (1,4% del Pil), con saldo positivo nella bilancia commerciale pari a 3,6 mld di euro, e circa 170mila addetti, numeri di rilievo per un settore manifatturiero che rappresenta un’eccellenza del made in Italy.

Share This