Eventi e Progetti

Stoviglie e ambiente: la carta sconfigge la plastica e i luoghi comuni

Le stoviglie multiuso in polipropilene generano oltre 2,5 volte più emissioni di CO2 e utilizzano 3,6 volte in più acqua dolce rispetto a quelle monouso in carta. Le stoviglie multiuso richiedono quantità significative di energia e acqua per essere lavate, igienizzate e asciugate. I vantaggi ambientali degli imballaggi monouso in carta rispetto a quelli riutilizzabili (in particolare nel risparmio di emissioni di carbonio e consumo di acqua dolce) emergono dallo studio europeo “Single-use vs multiple-use using science to challenge the misconceptions” sul Life Cycle Assessment del packaging monouso in carta.

I risultati dell’indagine, condotta da Ramboll (società di consulenza ingegneristica) per la European Paper Packaging Alliance (EPPA) e presentata in sede europea nella prima metà del mese di gennaio 2021, sfatano i luoghi comuni secondo i quali i prodotti riutilizzabili sarebbero più ecologici della carta.

La Federazione Carta e Grafica ha reso noti i risultati dello studio nel comunicato stampa diffuso il 18 gennaio, scaricabile qui.

Istat: boom di editori e nuovi titoli per combattere il calo di libri venduti

Una eccezionale vitalità contrassegna il settore dei libri: aumentano gli editori (+3,5%), ma ancora più sensibile è il balzo in avanti delle opere pubblicate, +35,5%. Sono i numeri – indicati dal Report 2019 dell’Istat sulla produzione e lettura dei libri in Italia – con i quali questo ramo dell’editoria reagisce al calo del numero di copie vendute, che nell’anno a cui si riferisce il rapporto hanno proseguito nel ribasso, -9,9%.
La vivacità con la quale il settore prova a regire trova sponda nell’attività della Federazione Carta e Grafica, che fra i propri interventi prioritari ha la promozione della lettura e del libro, come testimonia la recente campagna #ilibricisalveranno lanciata nella recente edizione, lo scorso novembre, di BookCityMilano, con il “Manifesto sulla necessità di riscoprire ciò che solo una lettura autorevole ci consente di scoprire”.
Nel 2019 – si legge nel Rapporto dell’Istat – sono stati pubblicati in media 237 libri al giorno, quasi 1,3 libri ogni mille abitanti; di questi, due terzi sono novità (58,4%) e nuove edizioni (8,5%). Il 40,0% della popolazione di 6 anni e più legge almeno un libro all’anno. Il 77,2% dei lettori legge solo libri cartacei, il 7,9% solo e-book o libri on line.
E per il 2020? Le indagini Istat non lasciano margini di ottimismo, soprattutto in considerazione di quanto avvenuto a seguito della pandemia: nove editori su dieci avevano previsto per il 2020 una perdita consistente del proprio fatturato rispetto all’anno precedente.
Il “Report 2019 dell’Istat sulla produzione e lettura dei libri in Italia” è disponibile a questo link.

Segni particolari: circolare. Le proposte della filiera per il Recovery Fund

“Segni particolari: circolare”. È l’efficace incipit con cui #ilSole24Ore descrive la filiera della carta e della grafica, “una galassia con tre grandi anime molto variegate, tra produzione di carta e cartone e macchinari per la loro lavorazione, la raccolta, il riciclo e la trasformazione”. La stampa del 22 dicembre dedica grande attenzione alle proposte avanzate dalla Federazione Carta Grafica insieme con #Comieco e #Unirima. “La Carta per il Recovery Plan” è il documento che sintetizza le proposte della filiera per partecipare attivamente al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e dare un contributo alla transizione ecologica e allo sviluppo di modelli industriali ancora più efficienti, sostenibili e tecnologici.

La pagina del Sole24Ore del 22-12-2020

La pagina del Sole24Ore del 22-12-2020 dedicata alla filiera della carta e grafica e alle proposte per il Recovery Fund

Tre le direttrici principali lungo le quali sono articolate le proposte. La prima – spiega Girolamo Marchi, Presidente della Federazione Carta e Grafica  è mettere la filiera nella condizione di aumentare la capacità di riciclo della carta da riciclare da parte delle cartiere e degli scarti al servizio dell’ambiente e dell’efficienza energetica. Aumentando l’utilizzo dei materiali prevalentemente rinnovabili (fanghi e residui), scartati dai processi di lavorazione si possono produrre bio-combustibili integrando il gas, ad oggi la fonte che alimenta in cogenerazione il comparto cartario in Italia e in Europa (il consumo nel 2019 è stato di 2,5 miliardi di mc)”.

Fra le testate più autorevoli, oltre al Sole24Ore, grande spazio alle proposte della Federazione viene dedicato dal #CorrieredellaSera, che titola: “La Carta Circolare – La filiera punta sul riciclo, la chiave è la sostenibilità”.

Il Corriere della Sera del 22-12-2020

L’ampio articolo con cui il Corriere della Sera presenta il documento messo a punto dalla Federazione della Carta e della Grafica con Comieco e Unirima

 

 

 

 

 

 

 

Temi ripresi nella seconda delle proposte: promuovere la ricerca e lo sviluppo a livello industriale di nuovi processi e nuovi prodotti necessari a sostituire quelli impattanti sull’ambiente. A questo proposito, Amelio Cecchini, Presidente di Comieco, commenta “Le caratteristiche della carta fanno sì che il settore cartario abbia un importante campo di espansione industriale nella creazione di nuove filiere dell’imballaggio bio-based, riciclato e riciclabile, così come di prodotti mono-uso ad alto contenuto di riciclo, rinnovabili e riciclabili che rispondono anche alle nuove abitudini di acquisto e consumo degli Italiani. Grazie a questo, gli investimenti in R&D possono aiutare così a migliorare anche la qualità delle oltre 3,5 milioni di tonnellate di carta e cartone raccolte tramite i circuiti comunali e, di conseguenza, il valore della materia prima seconda generata.” Per l’Italia si tratta dunque di una grande opportunità non solo ambientale ma anche economica.

La terza proposta della filiera riguarda lo sviluppo ulteriore della digitalizzazione per migliorare la logistica e la tracciabilità dei rifiuti e degli scarti. Federazione Carta e Grafica, Comieco e Unirima ritengono strategico il processo di upgrade tecnologico innescato negli ultimi tre anni dal Piano Industria 4.0. Si suggerisce, pertanto, l’introduzione di incentivi gli investimenti aziendali in infrastrutture digitali per ottimizzare la logistica dei flussi di carta da riciclare e la tracciabilità, facilitando il riciclo delle diverse frazioni.

A questo link è possibile leggere e scaricare il comunicato stampa diffuso sull’argomento.

 

Streaming roadshows Future Factory 2020: prossime tappe Egitto e Algeria

La Federazione Carta e Grafica patrocina gli Streaming Roadshows Future Factory 2020.

Il programma è articolato in quattro tappe, due delle quali già si sono svolte con successo. Gli Streaming Roadshow by Acimga, hanno toccato Turchia, il 4 novembre, e UK, l’11 novembre, dando spazio al dialogo tra le imprese italiane e i mercati esteri, nel percorso di internazionalizzazione verso la Print4All Conference che si svolgerà in primavera 2021.

I prossimi appuntamenti sono in agenda il 10 e il 16 dicembre, rispettivamente in Egitto e Algeria, dove proseguirà il confronto tra le community delle associazioni e delle imprese della supply chain, sui temi chiave Sostenibilità e Industria 4.0.

Per iscriversi
https://www.eventbrite.it/e/123290269515

Gli Streaming Roadshow sono un progetto di promozione ed internazionalizzazione di Acimga in collaborazione con ITA (Italian Trade Agency), l’agenzia governativa che supporta lo sviluppo delle imprese italiane all’estero.

Cliccare qui per rivedere la tappa in Turchia

 

Cliccare qui per rivedere la tappa in UK

 

La filiera della carta e della grafica campionessa d’Italia con l’81% di imballaggi riciclati

La filiera che fa capo alla Federazione Carta e Grafica con una produzione di 9,6 milioni di tonnellate di carta e cartone nel 2019, realizzata per il 57% da carta da riciclare (81% negli imballaggi, è fra le più virtuose per il riciclo ed il recupero dei rifiuti. È uno dei dati che emerge dal Rapporto “L’Italia del Riciclo 2020”, sviluppato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e FISE UNICIRCULAR di cui la Federazione è partner, giunto quest’anno alla undicesima edizione.

La carta e il cartone potrebbero sostituire il 25% degli imballaggi a base di materiali fossilie, grazie alle nuove capacità in corso di avvio nel Paese, il riciclo potrebbe crescere ancora, passando dalle attuali 10 tonnellate al minuto ad oltre 12.

L’evento di presentazione del Rapporto, realizzato con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e di Ispra, ha avuto luogo il 10 dicembre 2020, diffuso in live streaming nella sezione del sito dedicata all’Italia del riciclo 2020, sulla pagina Facebook @fondazionesvilupposostenibile e su Ricicla Tv. A nome della Federazione Carta e Grafica prenderà parte all’evento Massimo Medugno, Direttore di Assocarta, il cui contributo è nell’intervista che si può ascoltare a questo link (occorre id Facebook). La posizione della Federazione è esplicitata nel comunicato stampa diffuso al termine dell’evento e disponibile qui.

Il Rapporto, presentato da Edo Ronchi, mette in luce i trend del settore e fornisce una prima panoramica degli effetti della pandemia sulle attività connesse al riciclo dei rifiuti urbani e speciali in Italia, sulle misure adottate e sulle proposte per uscire dalla situazione emergenziale. Per i Consorzi e le imprese, infatti, la priorità nei mesi di emergenza e nei successivi è stata quella di garantire il ritiro dei rifiuti su tutto il territorio nazionale e continuare ad avviarli a riciclo cercando di evitare la saturazione degli impianti e la crisi del sistema, ma tra gli effetti a medio termine dell’epidemia ci sono sicuramente i ritardi, i rallentamenti e i tagli degli investimenti programmati nel settore dei rifiuti.

Servono quindi azioni di stimolo per il riciclo e per l’economia circolare di cui si parlerà durante l’evento, in un confronto con Roberto Morassut, Sottosegretario di Stato all’Ambiente, Elio Catania, Consigliere Politiche Industriali del Ministero Sviluppo Economico, Antonio Scino, Capo del Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica (DIPE) – Presidenza del Consiglio dei Ministri, Alessandro Bratti, Direttore Generale ISPRA, Alessia Rotta, Presidente, Commissione Ambiente, Camera dei Deputati e Gianni Girotto, Presidente, Commissione industria, Senato della Repubblica.

La Federazione Carta e Grafica al III Forum di Legambiente sulla bioeconomia delle foreste

La filiera che fa capo alla Federazione Carta e Grafica è campionessa di sostenibilità. L’esperienza, in particolare relativa al rapporto fra prodotti forestali, fibre ed economia circolare, è stata rappresentata il 19 novembre al III Forum Nazionale di Legambiente, al quale ha preso parte a nome della Federazione Massimo Medugno, Direttore di Assocarta.

Fra gli esempi presentati in tema di papersubstitution spicca l’imballaggio in carta e cartone, esempio eccellente di sostenibilità, pienamente circolare e realmente riciclabile.
In Europa il riciclo per questa tipologia di imballaggi è già all’85%.

Ma l’imballaggio in carta e cartone è anche facilmente biodegradabile, non si disperde e non si accumula nel nostro pianeta, il che lo rende ambientalmente più sicuro rispetto ad prodotti a base fossile oltre che affidabile per i consumatori.

Il III Forum di Legambiente si è svolto in formato live talk, dedicato alla tutela degli ecosistemi forestali e al valore della biodiversità. Il sito de La Nuova Ecologia dedica un resoconto, anche corredato da video, all’evento.

.https://www.legambiente.it/forum-bioeconomia-delle-foreste-conservare-ricostruire-rigenerare/

La Federazione con il Manifesto e la campagna #ilibricisalveranno a Bookcity Milano 2020

Per la quinta edizione consecutiva, anche quest’anno la Federazione Carta e Grafica è partner di Bookcity Milano BCM#20 con l’obiettivo di sostenere e promuovere la lettura quale bene pubblico primario per la formazione di giovani e adulti.

In occasione di Bookcity 2020, Federazione Carta e Grafica e Bookcity firmano il Manifesto sull’urgenza del riscoprire ciò che solo una lettura autorevole permette di scoprire e lanciano la campagna di comunicazione #ilibricisalveranno sul valore dei libri e del supporto cartaceo.

Di grande effetto la clip lanciata per l’iniziativa, visibile qui

Un’iniziativa concreta per invitare la società civile, il mondo della politica, della cultura, della scuola e dell’editoria a stimolare la lettura di qualità.

Sociologi, neurologi e filosofi di tutto il mondo non sanno più come ribadirlo: il troppo digitale ci sta portando a vagare in una giungla di relazioni e suggestioni sconnesse tra loro. È un processo subdolo perché, silenziosamente, contribuisce a indebolire le nostre capacità di concentrazione e memorizzazione. Non è un caso che gli indici di comprensione di un testo scritto diano risultati preoccupanti ancor più che sconfortanti. Come non bastasse, il digitale genera quell’”illusione del sapere” – dovuta al continuo numero di informazioni a portata di smartphone – che sta atrofizzando la nostra capacità di pensare, approfondire, riflettere.

Per difendere la nostra capacità di acquisire nozioni e formulare concetti è necessario tornare a riempire il nostro tempo di letteratura, poesia e giornalismo di qualità.

I buoni vecchi libri (che vecchi non sono mai), i quotidiani e le riviste stampate, oltre a stimolare l’appagamento personale e il libero pensiero, contribuiscono a preservare la salute del nostro cervello. Leggerli, inoltre, alimenta la nostra memoria, il “server personale” che costituisce il nostro patrimonio culturale e che è sempre accessibile, anche senza wi-fi.

Le nuove norme del pacchetto economia circolare: webinar il 26/10

Il “pacchetto normativo sull’economia circolare”, recepito a inizio agosto dal Governo italiano attraverso quattro decreti legislativi, introduce importanti modifiche alle normative in vari campi di applicazione, fra i quali due tematiche che toccano da vicino la filiera della carta e della grafica, inerenti la gestione dei rifiuti e degli imballaggi.

La Federazione Carta e Grafica, in collaborazione con Comieco, ha promosso un incontro di aggiornamento, per evidenziare, con l’intervento di esperti, cosa cambia da subito e come si modificano gli scenari in prospettiva.

L’appuntamento, in webinar, è per lunedì 26 ottobre, alle ore 11. Per partecipare è necessario iscriversi al link: https://register.gotowebinar.com/register/7294105573217446413

Cliccare qui per la locandina dell’evento.

I lavori, moderati da Carlo Montalbetti, Direttore generale di Comieco, prevedono gli interventi “Le novità introdotte dal pacchetto Economia Circolare e il recepimento italiano” di Laura D’Aprile, Direttore Economia Circolare del Ministero dell’Ambiente; “Cosa cambia nella gestione dei rifiuti”, di Marco Ravazzolo, Responsabile Ambiente dell’Area Politiche Sociali di Confindustria; “Cosa cambia nella gestione degli imballaggi”, di Claudio Busca, Responsabile Affari Generali e Istituzionali del Comieco; “Obiettivi di filiera e il contributo della Federazione Carta e Grafica al processo di recepimento” di Massimo Medugno, della Federazione Carta e Grafica e Direttore generale Assocarta.

Gli atti approvati ad agosto, complessivamente riguardano:

  • l’attuazione dell’articolo 1 della direttiva (UE) 2018/849, che modifica la direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso;
  • l’attuazione degli articoli 2 e 3 della direttiva (UE) 2018/849, che modificano le direttive 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche;
  • l’attuazione della direttiva (UE) 2018/850, che modifica la direttiva 1999/31/CE, relativa alle discariche di rifiuti;
  • l’attuazione della direttiva (UE) 2018/851, che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti, e della direttiva (UE) 2018/852, che modifica la direttiva 1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

Le ultime due sono le direttive che più da vicino interessano la filiera della carta e della grafica. Tra le novità derivanti dal recepimento, su cui sarà fornita spiegazione nel webinar di lunedì 26 ottobre, rientreranno i nuovi obiettivi di riciclo dei rifiuti per i prossimi 15 anni, mentre per gli imballaggi, sarà riformato il sistema di responsabilità estesa del produttore (Epr), è prevista l’istituzione di un “Registro nazionale dei produttori” e la modifica del regime di contribuzione finanziaria per coprire i costi della raccolta differenziata.

Industria 4.0: è indispensabile che il Governo potenzi gli incentivi

È prioritario che il Governo assicuri il sostegno con finanziamenti adeguati ai programmi di sviluppo previsti nel piano industria 4.0, sulla base di quanto evidenziato nell’Assemblea del 29 settembre dal presidente di Confindustria Carlo Bonomi. La richiesta sale dalla Federazione Carta e Grafica, le cui aziende grazie proprio alle tecnologie 4.0 stanno guardando al futuro oltre le difficoltà determinate dall’emergenza Covid.

Le imprese della filiera carta, grafica e stampa hanno svolto un lavoro determinante durante il lockdown, consentendo gli approvvigionamenti attraverso la fornitura di packaging per l’Industria alimentare, farmaceutica e per l’e-commerce, di carte sanitarie, anche riconvertendo gli impianti per la produzione di mascherine, garantendo l’informazione attraverso le imprese industriali e di stampa della filiera.
Durante l’emergenza, solo a titolo di esempio, oltre il 90 per cento dei produttori di macchine per la stampa, il packaging e il converting ha continuato a lavorare per garantire l’assistenza ai settori primari del paese. Assistenza che è stata possibile grazie alle tecnologie 4.0 e all’interconnessione tra le macchine sulle quali si interviene anche da remoto.
Proprio il piano industria 4.0, da tre anni a questa parte, ha permesso di avviare l’upgrade tecnologico che ha innescato, oltre all’evoluzione dei processi produttivi, la ripresa degli investimenti in macchine. Il consumo apparente di macchinari per la stampa, il packaging e il converting (ovvero la produzione italiana venduta sul mercato interno sommata all’importazione dall’estero) è aumentato nel 2018 del 4% e nel 2019 del 4,5%. Le vendite dei produttori italiani sul mercato interno sono salite dell’1,6% nel 2018 e hanno visto un balzo del 10,9% nel 2019.
La Federazione Carta e Grafica è stata la prima a realizzare un progetto completo Industria 4.0 per accompagnare le imprese della filiera al nuovo paradigma tecnologico. Progetto, realizzato in partnership con SDA Bocconi, che adesso è entrato nella fase 3 con la consulenza personalizzata in azienda, dopo la formazione in aula e la pubblicazione dello studio “Industry 4.0: istruzione per l’uso”.
Tutto ciò ha messo in moto quel processo di rinnovamento e di crescita che oggi deve essere adeguatamente considerato da parte del Governo, soprattutto tenendo conto delle linee indicate dal presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sulla destinazione dei fondi Next generation EU, comunemente definiti Recovery Fund, ai processi di digitalizzazione, a cui saranno devoluti il 20% delle risorse.

Nuovi ingressi in Consiglio generale, nominati Colombo e Poli

L’assemblea della Federazione Carta e Grafica, riunitasi il 15 settembre, a Milano, ha integrato i propri organi di gestione con nuove designazioni. Nel Consiglio generale sono stati eletti Giovanni Battista Colombo e Lorenzo Poli (Presidente Assocarta), che vanno ad affiancare nell’organismo presieduto da Girolamo Marchi, con i vice Emilio Albertini (presidente Assografici) e Aldo Peretti (presidente Acimga) e Pietro Lironi come Past President, i consiglieri Emanuele Bona, Marco Calcagni e Michele Bianchi.

Giuliana Besozzi e Giuliana Merli entrano nel Collegio dei Revisori dei conti, di cui faceva già parte Giuseppe Dell’Aquila. L’ingresso di Mario Maggioni va a completare il Collegio dei Probiviri, in cui già siedono Domenico Di Marsico, Giorgio Zangarelli, Franco Eller Vainecher, Ernesto Gazza e Flavio D’Andria.

Share This